Chi sono

La mia storia
 
Mi chiamo Lina e svolgo la professione di Nutrizionista a Roma.
La mia storia è quella di una ragazza del Sud Italia, cresciuta in una famiglia atipica dal punto di vista culinario.
Mia madre, a differenza di mia nonna, non è  mai stata la classica mamma del sud che vede i propri figli sempre "sciupati" e fa di ogni pranzo o cena un banchetto stile cenone di Natale;
lei è sempre stata attenta alla linea, alla qualità del cibo, alla provenienza e soprattutto alle modalità di  preparazione.
Non potevo, dunque, non esserne influenzata.
Ho sempre scelto con cura il cibo da mangiare, concedendomi i piaceri della tavola ma stando sempre attenta a non eccedere nella quantità. Il mio percorso di studi è frutto di una passione coltivata e maturata nel corso degli anni.
 
La mia formazione

 

Sono iscritta all’Ordine Nazionale dei Biologi sez. A numero AA_074438

Ho conseguito la Laurea in Scienze Biologiche presso l’Università degli Studi di Roma Sapienza, successivamente mi sono specializzata con lode in Neurobiologia presso la medesima Università. Ho svolto attività di ricerca presso la Fondazione Santa Lucia di Roma approfondendo i meccanismi neurobiologici legati allo stress, al sistema cerebrale di ricompensa e al comportamento alimentare; i dati ottenuti sono stati pubblicati sulla rivista ufficiale dell’Università di Oxford.

Ho completato la mia formazione conseguendo il Master in "Nutrizione personalizzata: basi molecolari e genetiche" con voto 110 e lode presso l’Università di Roma Tor Vergata, Università dove adesso svolgo attività di formazione e tutoraggio nell'ambito dell'insegnamento:

"Composizione corporea, geni e dieta” e “Impostazione di schemi dietetici personalizzati”.

Partecipo periodicamente a congressi in qualità di relatrice e docente ECM e svolgo corsi di educazione alimentare per le scuole primarie e secondarie in collaborazione con l'organizzazione internazionale Save the children. Attualmente collaboro con ricercatori della Oxford University , Sapienza e Tor Vergata per il progetto Allelica.